17 mag 2006

Scrapbooking e viaggi - Mykonos



Non mi sembra vero di aver creato un'altra paginetta... sempre digitale sempre con elementi di j.wilson (kit Coral Reef).
Questo lo è il primo di una serie sul nostro viaggio a Mykonos. Tra le centinaia di foto in attesa di essere scrappate ce ne sono tante dei miei viaggi. ho sempre avuto la passione di viaggiare, di fare moltissime foto e di raccogliere memorabilia. Sfogliare le foto delle vacanze negli squallidi raccoglitori dei fotografi non rende giustizia ai ricordi legati ad un viaggio, ad una vacanza... lo scrapbooking aiuta a raccontare una storia da rileggere negli anni, sempre con piacere, per ricordare piccoli particolari, per rivivere momenti, anche se non sempre e necessariamente piacevoli...ma la nostra vita è questo, no? gioie e dolori, sogni e disillusioni...

Ultimamente, dato che ho intensificato la mia attività scrap (anche se digitale) comincio a pormi il problema della divisione degli album. A proposito di questo argomento sta diventando la mia bibbia un libro di Stacy Julian :The Big Picture, ricevuto in ragalo da una cara amica e oramai un vademecum per lo scrap. Diversamente da quanto fanno la maggior parte delle scrapbookers non amo creare pagine in occasioni fisse (natale, compleanni, pasqua) anche se ammetto che se avessi molto tempo farei anche quelle! Ciò che mi piace mettere nelle mie pagine sono momenti più che avvenimenti, particolari della nostra vita familiare, della mia vita personale e di che mi è caro. Ci sono foto scattate in un giorno qualunque che mi dicono più di 100 foto di compleanno... spesso foto rubate poichè detesto le foto in posa, finte. Le riviste americane ne sono piene, famiglie intere oggeto di photo session in piana regola..foto diverse ma tutte uguali. sto divagando - guarda un po'?-. In particolare ciò che mi è piaciuto del libro è la scelta di classificare i layouts in album secondo un criterio piuttosto anticonformista, per così dire... un album sul cibo che piace alla sua famiglia, uno sulle foto che le piacciono di più e così via... a parte qualsiasi schema organizzativo credo che ciascuno dovrebbe dividere gli album a seconda della propria vita familiare e personale per cui solo dopo un bel po' di pagine ci si rende conto quali sono gli eventi che si scrappano più volentieri... per cui valga la pena di creare un album. Personalmente non sono metodica e non amo andare in ordine cronologico. Per ora non ho molte pagine al mio attivo, ma ho un album per ciascuno dei miei figli, uno familiare ed uno di me e del mio compagno. L'aspetto positivo dello scrap digitale è che posso duplicare la pagina e metterla anche in tutti gli album se voglio...non male, no?

3 commenti:

Giulia ha detto...

Senz'altro è una comodità non da poco. Io per ora ho fatto qualche LO digitale semplicissimo e LO cartacei che "diversifico" leggermente a seconda del destinatario anche se si tratta dello stesso evento.
E' impossibile fare LO cartacei identici!!! ;0)

LaaLaa ha detto...

..pero' un LO non digitale si puo' scansionare e stampare per essere inserito in un altro album... Grande Barbara! oramai anche io ho piu' album che pagine, o meglio sezioni diverse negli album che tengo divisi per anno di 'produzione'

barbara ha detto...

sai laalaa, all'inizio l'idea di tanti album, o tante sezioni (magari futuri album?) mi spaventava un po', però penso che scrapperò tanto e negli anni magari sarà più divertente aumentare sezioni e album!